logo
Per le sue notti serene
Consigli e soluzioni
Qualche piccola abitudine quotidiana

Cosa puoi fare ogni giorno

La pipì a letto è un problema per i genitori oltre che per il bambino che ne è affetto e può mettere a dura prova la pazienza dei genitori più calmi, specialmente se pensate che state facendo tutto il possibile per aiutare il bambino. E’ normale che i bimbi che riescono a controllarsi durante il giorno possano bagnarsi di notte fino ai 6 o 7 anni di età.

Per aiutare voi e il vostro bambino ad affrontare positivamente il problema della pipì a letto e garantirvi notti più asciutte vi riportiamo alcune regole.

UNA SANA ROUTINE

Creare una routine sempre uguale e tranquilla può togliere molte preoccupazioni!

UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Alcuni alimenti come i latticini, i formaggi e le uova andrebbero evitati la sera perchè promuovono la pipì durante la notte.

PREPARATI CON DRYNITES®

Pigiami e lenzuola di scorta oltre a salviette e un paio di DryNites® a portata di mano!

IN CONTATTO CON GLI ALTRI

Molte famiglie stanno passando quello che state passando voi. Parlane con loro!

RIMANI IN CONTATTO CON UN MEDICO

In alcuni casi l’enuresi può avere cause patologiche: non aver timore di parlarne con un medico.

REGISTRA I SUOI PROGRESSI

Aiuta tuo figlio nella sua avventura, compila un diario delle sue attività.

L’approfondimento della pediatra

Per conoscere il disagio della pipì a letto

ACCORGIMENTI PRATICI
Fino a 5 anni

Si tratta di una situazione abbastanza comune e “normale” e, come tale, andrebbe gestita rassicurando i genitori, spesso condizionati dal fatto che famiglie ed educatori si aspetterebbero che un bambino non bagni più il letto entro i 3-4 anni. Sebbene, dunque, sia molto importante abituare il piccolo all’uso del vasino, è anche bene non forzare i suoi tempi e accompagnarlo serenamente durante questo periodo di passaggio, eventualmente adottando semplici stratagemmi e abitudini.

Spesso, infatti, il motivo per il quale il piccolo bagna il letto tutte le notti ha a che vedere esclusivamente con una non ancora raggiunta maturità fisiologica, che gli impedisce di controllare in modo automatico la minzione anche nel sonno. L’atteggiamento migliore da assumere, in questi casi, è la pazienza eventualmente coadiuvata da qualche piccolo accorgimento.

ACCORGIMENTI PRATICI
Fino a 5 anni

Pipì prima di dormire.
Abituate il piccolo a fare la pipì prima di andare a nanna.

No liquidi prima del sonno.
Evitate di dargli latte, camomilla o tisane nelle ore che precedono il sonno.

No rimproveri.
Non stressarlo con inutili rimproveri e continue lamentele. In particolare, se non sembra soffrire, è meglio dargli ancora del tempo prima di considerare la pipì a letto un problema.

Non accompagnare il bimbo al bagno di notte.
Evitate di svegliare il bambino durante la notte per accompagnarlo in bagno. Questo, probabilmente, potrebbe servire a non dover cambiare lenzuola o coperte, ma non sarebbe di alcun aiuto per il bambino. Meglio optare per una mutandina assorbente da eliminare denitivamente nel momento in cui il numero delle notti asciutte superi quello delle notti bagnate.

Controllo della vescica.
Il vostro medico potrebbe suggerire degli esercizi per rafforzare la vescica. Bloccare l'urina a metà del percorso può irrobustire la muscolatura della vescica (sfintere) e trattenere l'urina il più a lungo possibile di giorno può servire a distendere la vescica.